Tempo di lettura: 3 minuti

Perché il successo sui social non è una questione di Like!

Negli ultimi giorni, potresti aver ricevuto anche tu un avviso del genere da parte di Instagram:

Like instagram

Il 29 Aprile era trapelata la notizia secondo cui Instagram stava sperimentando questa una nuova funzione: il test è partito in Canada con lo scopo di promuovere la creatività e l’originalità dei contenuti, eliminando l’affannosa corsa ai like.

Dal mese di luglio, l’esperimento si è allargato ad altri sette paesi, compresa l’Italia.

 

instagram oscura i like

Se sei stato selezionato per questo test, avrai notato che scorrendo le varie foto, i like sotto ai post della home non sono più visibili. L’unica persona che può visionare il numero dei like ricevuti è il proprietario del profilo, e quindi tu.

Al momento, Instagram non ha diffuso nessun tipo di report sui risultati del test, ma mentre le persone sul web si dividono tra sostenitori e oppositori di questa nuova filosofia social, anche Facebook avvia un esperimento simile, stavolta in Australia. 

Non molto tempo fa, Mark Zuckerberg annunciava un altro importante cambiamento nell’algoritmo di Facebook spiegando che da quel momento in poi, il social avrebbe favorito i contenuti pubblicati e condivisi dalla nostra cerchia di amici proprio perché l’obiettivo del social media rimane quello di mettere in connessione le persone.

Ne avevamo parlato nell’articolo Che cos’è la reach di Facebook e come funziona

L’ossessione per il numero di like e di follower, in effetti, ha condizionato parecchio la qualità dei contenuti pubblicati dagli utenti ed è stata spesso sfruttata dai famosi “cugini” del marketing per vendere ai clienti meravigliosi castelli di sabbia.

 

 

Molte persone sono convinte che il successo di una strategia di social media marketing possa essere determinato dal numero di fan che una pagina Facebook o un account Instagram riesce a ottenere, ma si tratta di una convinzione alquanto superficiale e controproducente. 

 

 

Quando mi imbatto in una pagina con millemila like, la prima cosa che faccio è andare a vedere cosa succede al suo interno. Che tipo di contenuti pubblica? Quanto engagement riceve? Ne riceve? Perché molte volte capita che in proporzione al numero di follower, le interazioni con i post siano davvero esigue, e che la qualità dei contenuti sia molto bassa. I Like a una pagina, poi, non hanno tutti il medesimo valore. Chi ha un po’ di confidenza con Instagram, ad esempio, conoscerà i defollower seriali: si tratta di account che ti seguono e ti chiedono di ricambiare l’interesse, ma non appena volti le spalle…Tadan, non ci sono più!

 

 

Oggi esistono molti modi per evitare che ciò accada e per capire se c’è qualche furbetto tra i tuoi contatti, ma non è questo il punto. Tutti noi, di fronte a una pagina appena creata rimaniamo lì, trepidanti, in attesa di vedere il numero di fan crescere. Tuttavia, pretendere un’impennata scontata e rapida di Like è pura follia!

Per farti conoscere occorrono obiettivi chiari, strategie condivise sui vari canali, qualità nei contenuti, budget e soprattutto… tempo! Invece, spesso si finisce per ricorre a due tecniche che rappresentano anche due grossi, grossissimi errori:

 

 

1. Il primo: chiedere ad amici e parenti di mettere like alla pagina. Questo è il metodo più semplice per avere un buon numero di fan, almeno all’inizio. Ma, queste persone rientrano nel tuo pubblico di riferimento? Sono davvero interessati a ciò che fai? Interagiranno con i tuoi contenuti? Se avrai un gran numero di follower ma poche interazioni, questo non farà altro che abbassare il tuo punteggio all’interno dell’algoritmo e bye bye visibilità! Piuttosto, potresti fare una cernita dei tuoi contatti e inoltrare l’invito soltanto a coloro i quali ritieni in target col tuo pubblico.

2. Il secondo: comprare Like tramite bot e simili. Non farlo, mai! Si tratta dei like di qualità peggiore dietro i quali spesso non ci sono nemmeno persone vere. Mettono in moto dei meccanismi di scambio totalmente deleteri per la reputazione di un’azienda e, infatti, chi ne fa uso viene ormai identificato e penalizzato dall’algoritmo dei vari social. 

Quali sono, al contrario, i Like che contano davvero?

 

follower

 

Sono quelli che arrivano da persone realmente interessate a ciò che fai. Per ottenerli è necessario avere ben chiaro a chi vuoi rivolgerti, spenderti affinché i contenuti che crei e pubblichi siano effettivamente di valore per il pubblico che intendi raggiungere e, infine, pubblicizzare i tuoi canali e contenuti, ad esempio, attraverso le campagne di Facebook Ads.

Per concludere, il numero di follower di per sé non è indice di niente. Servono analisi più approfondite per valutare la qualità di un pubblico e, più in generale, di una strategia social. E per farlo, servono professionisti che siano in grado di guidarti verso obiettivi corretti e che non ti ingannino con metriche fuorvianti.