Tempo di lettura: 3 minuti

In occasione del 78° compleanno del musicista, verrà proiettato sul grande schermo il film Imagine, restaurato e rimasterizzato agli Abbey Road Studios

John Lennon nasce a Liverpool il 9 ottobre del 1940, durante un bombardamento tedesco, in piena seconda guerra mondiale. La madre, Julia Stanley sceglie per lui il nome John seguito da Winston, in onore dell’allora primo ministro britannico Winston Churchill e della sua promessa di pace per il popolo britannico. Il padre, Alfred Lennon, fa il marinaio ed è spesso lontano da casa. Tra l’assenza del padre e l’immaturità della madre, John viene affidato alla zia Mimì e al marito George che se ne prendono cura con dedizione e amore.

Sin da subito, John si dimostra un ragazzo molto creativo: impara da autodidatta a suonare l’armonica a bocca e comincia ad interessarsi alla chitarra dopo aver ascoltato artisti come Bill Haley ed Elvis Presley.
Nel frattempo, Julia torna nella vita del figlio ed è proprio lei a fargli muovere i primi passi con il nuovo strumento, insegnandogli tecniche e accordi. Purtroppo, nel 1956, quando il rapporto tra John e la madre sembra essersi ristabilito, un agente della polizia che guidava ubriaco, travolge Julia uccidendola.

Ho perso mia madre due volte. Una volta da bambino a cinque anni e poi ancora a 17. Mi ha dato molta, molta amarezza interiore. Avevo appena iniziato a ristabilire una relazione con lei quando fu uccisa.

La passione di John per la musica non si arresta, anzi. Nel 1956, insieme ad altri sei compagni di scuola, Lennon forma la sua prima band, i Quarrymen. Proprio durante uno dei concerti del gruppo, avviene il primo incontro tra Lennon e McCartney, anche lui colpito dal lutto materno. Tra i due inizia una collaborazione artistica che li porterà a ottenere un contratto discografico con la Parlophone e alla pubblicazione del singolo Love Me Do.

 

beatles

 

È l’inizio di una nuova era per la musica rock. È l’inizio dei Beatles!

All’apice del successo, nel 1966, John incontra l’artista giapponese Yoko Ono mentre quest’ultima si trova a Londra per esporre alcune delle sue opere alla Gallery.
I due si innamorano e, insieme, decidono di sfruttare la loro popolarità a favore della pace, organizzando eventi e manifestazioni che coinvolgono non solo l’Inghilterra ma il mondo intero.

Al contempo però, qualcosa all’interno della band comincia a sgretolarsi. Dal 1968, John si allontana sempre di più dal resto dei Beatles, collaborando più spesso con Yoko.
Nell’aprile del 1970 i Beatles si sciolgono definitivamente e comincia così la carriera di Lennon come solista. Nel suo primo Lp Plastic Ono Band, John canta:

Io non credo nei Beatles, io credo solo in me, in Yoko e in me, io ero il tricheco, ma ora sono John, e così cari amici dovete solo andare avanti, il sogno è finito.

L’album successivo costituisce un vero e proprio trionfo, dominando a lungo le classifiche sia negli Stati Uniti che in Europa. Il singolo Imagine che dà il nome all’intero disco diventa l’inno internazionale del pacifismo.

 

imagine lennon

 

Dopo un periodo di separazione, nel 1975, nasce Sean, il primo e unico figlio della coppia Lennon-Ono.

Nel 1980, a poche settimane dall’uscita di un nuovo disco, mentre Lennon si trova di fronte all’ingresso del Dakota Building sulla 72ª strada, a New York, un ragazzo allora venticinquenne, Mark Chapman, gli spara cinque colpi di pistola.
Soccorso da una pattuglia di polizia, Lennon perde conoscenza durante la corsa verso l’ospedale e viene dichiarato morto alle 23:15.

Dopo la sua scomparsa, il potere della sua musica ha continuato a pervadere le strade di tutto il mondo. John Lennon rappresenta ancora oggi una pagina importante non soltanto nella storia della musica, ma nella storia dell’umanità. Poeta e attivista, Lennon continua a ispirare intere generazioni e a rappresentare il simbolo di un cambiamento che in molti stiamo ancora aspettando.

In occasione delle celebrazioni mondiali del compleanno di John Lennon, per la prima volta verrà proiettato sul grande schermo il film Imagine, restaurato e rimasterizzato agli Abbey Road Studios.
Il film, prodotto e diretto da John e Yoko, vanta numerose guest star tra cui George Harrison, Andy Warhol, Dick Cavett e Jonas Mekas.

 

 

L’appuntamento nelle sale italiane è per l’8, il 9 e il 10 ottobre!